TRASPORTO DEI PROPRI RIFIUTI NON PERICOLOSI PDF Stampa E-mail

Operativa dal 3 giugno la convenzione di semplificazione con la Provincia

Semplificazione burocratica e diminuzione di costi inutili, sono le richieste invocate dalla CNA/SHV quali strumenti essenziali per ridare fiato alle piccole imprese per affermarsi sul marcato. Richieste quasi sempre disattese.

Sul tema del trasporto dei propri rifiuti non pericolosi e quelli assimilati agli urbani, invece, c'è l'esempio di come si possa dare una mano concreta in questa direzione.

La proposta delle associazioni di categoria è stata raccolta dalla Provincia. Infatti, è pienamente operativa da più di un mese la convenzione che CNA/SHV e le altre associazioni hanno firmato con Provincia e Consorzio dei comuni per evitare l'iscrizione all'Albo gestori ambientali presso la Camera di Commercio.

Il requisito essenziale, cioè quello di essere associati a una delle associazioni firmatarie, deve essere comprovata semplicemente con la certificazione della propria associazione, nel caso della CNA/SHV con la tessera o con una dichiarazione della stessa CNA/SHV. Nulla altro è previsto dalla convenzione.

Altro importantissimo dettaglio:

È rimasto in vigore l'obbligo del formulario di identificazione per il trasporto dei rifiuti (che si acquista nei negozi di cancelleria e deve essere vidimato alla Camera di Commercio). Sul formulario deve essere annotato o il numero di autorizzazione o che l'impresa trasporta i rifiuti in base alla convenzione, con la nota seguente "Accordo di programma - socio della CNA/SHV.

Solamente in due casi il formulario non serve:

  • trasporto dei propri rifiuti assimilati ai rifiuti urbani ai centri pubblici di trattamento (art. 19 comma 3 lettera a) lp n. 4/2006
  • trasporto dei propri rifiuti non pericolosi quattro volte l’anno per quantitativi non eccedenti i 30 chilogrammi o 30 litri al giorno e comunque 100 chilogrammi o 100 litri l’anno (art. 193 comma 5 D. Lgs. n. 152/2006).

Attenzione a non prendere la questione sottogamba!

Per il trasporto dei propri rifiuti speciali non pericolosi senza autorizzazione, la legge statale prevede sanzioni draconiane, da 2.600 a 26.000 euro.

Ma anche l'assenza del formulario prevede sanzioni, nel caso di trasporto dei propri rifiuti non pericolosi da minimo 500 a massimo 1.500 euro.

 
© 2014 CNA-SHV service soc. coop – via Righi 9, Bolzano – Reg.Impr.-C.Fisc.-P.Iva 01055580219 – Reg.Prov.Coop.N.A145544 – PEC cnashvservice.bz@cert.cna.it