Logo
Print this page

Allarme di CNA Balneari: 30mila imprese balneari in gravi difficoltà se 11mila bagnini non potranno fare il test sierologico

“Trentamila imprese balneari in difficoltà loro malgrado mentre la stagione turistica estiva è entrata nel vivo. Per gli oltre 11mila assistenti bagnanti in servizio in Italia, più comunemente noti come bagnini, risulta difficile infatti effettuare il test sierologico, e di conseguenza il tampone, per controllare l’eventuale positività al Covid-19. Nonostante quest’obbligo sia prescritto dalle Linee guida sul servizio degli assistenti bagnanti diramato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. I bagnini sono assimilati agli operatori di primo soccorso, in quanto possono essere chiamati a praticare la rianimazione a persone in difficoltà sull’arenile e/o a mare. Del resto, molti di loro hanno addirittura conseguito l’idoneità a usare un apparecchio salvavita quale il defibrillatore. Ma ora devono essere messi nelle condizioni di aderire in tempi rapidi al nuovo obbligo”. Lo si legge in un comunicato di CNA Balneari.

Gli assistenti bagnanti italiani direttamente addetti al salvamento sono oltre 11mila, di cui 3200 donne. L’età media non è bassa: solo il 35 per cento del totale ha meno di 40 anni. E in molti casi si avvalgono del prezioso contributo di cani addestratissimi inquadrati nelle Unità cinofile da salvataggio nautico. L’opera dei bagnini interessa oltre 700 comuni rivieraschi o lacustri dove insistono 30mila spiagge attrezzate in concessione di stabilimenti balneari e alberghi e 3mila chilometri di spiagge cosiddette libere di competenza comunale.

Last modified onDonnerstag, 18 Juni 2020 16:25
FaLang translation system by Faboba
© 2014 CNA-SHV service soc. coop – via Righi 9, Bolzano – Reg.Impr.-C.Fisc.-P.Iva 01055580219 – Reg.Prov.Coop.N.A145544 – PEC cnashvservice.bz@cert.cna.it