TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Consentita l'attività di Installazione e Impianti in aziende non ancora autorizzate ad aprire

In merito al testo del Dpcm 26 aprile inviatovi stamane, CNA Installazione e  Impianti sottolinea due aspetti:

  1. nell’art. 1 comma 1, lett. a) si ribadisce il divieto di spostarsi in regione diversa da quella in cui ci si trova  tranne che per “ comprovate esigenze lavorative”. Nella bozza di “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” firmato il 24 aprile dalle parti sociali e di cui il Governo favorisce la piena attuazione, al paragrafo 8 si specifica che “ sono sospese e annullate tutte le trasferte/viaggi di lavoro nazionali e internazionali, anche se già concordate o organizzate …”. Rimandando ad un più compiuto esame della questione della ”trasferta” ad un apposito documento che stiamo condividendo con Assistal e che vi verrà inviato quanto prima, in questa occasione ci sembra utile confermare la giustezza della nostra interpretazione, peraltro già specificata chiaramente in precedenti comunicazioni, affermando che le attività di installazione e di manutenzione degli impianti effettuate anche in trasferta, proseguono come prima naturalmente nel rispetto, così come già disposto dal Dpcm 11 marzo, delle  le misure di sicurezza previste e dotando i propri dipendenti di DPI.
  2. All’art. 2, comma 8 si chiarisce che “per le attività produttive sospese è ammesso, previa comunicazione al Prefetto , l’accesso ai locali aziendali di personale dipendente o di terzi delegati per lo svolgimento di attività di (….) manutenzione….” . Al comma 9, poi, si autorizzano le imprese che riprenderanno l’attività a partire dal prossimo 4 maggio a ” svolgere tutte le attività propedeutiche alla riapertura a partire dalla data del 27 aprile 2020”.

Ciò significa che è stata accolta la richiesta di CNA Installazione Impianti avanzata con la Nota di Aggiornamento al Vademecum che vi abbiamo inviato il 15 aprile scorso (è verosimile sostenere che anche in tutti gli altri luoghi dove si svolgono attività ancora non autorizzate (alberghi, ristoranti, bar, etc. sia da ritenersi come attività consentita l’installazione e la manutenzione degli impianti al loro interno  e riportata da vari siti internet del settore.

COVID-19 - Estensione della validità delle certificazioni f-gas al 15 giugno 2020. Chiarimenti applicativi

CNA Installazione e Impianti ricorda che il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare ha emanato la circolare numero 20460 del 23/03/2020 avente come oggetto “Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18 Applicazione dell’articolo 103, comma 2, in materia di rinnovo delle certificazioni rilasciate ai sensi del D.P.R. n. 146/2018 sui gas fluorurati a effetto serra.

La Circolare del Ministero dell’Ambiente chiarisce gli aspetti applicativi di quanto previsto dall’articolo 103, comma 2, del DL n.18/2020 nel campo delle Certificazioni rilasciate ai sensi del DPR 146/2018 sui gas fluorurati a effetto serra che prevede l’estensione al 15 giugno p.v. della validità delle certificazioni f-gas in scadenza nel periodo tra il 31 gennaio e il 15 aprile.

CNA Installazione e Impianti - Pulizia e sanificazione

CNA Installazione e Impianti  segnala che stanno girando interpretazioni sulla definizione di "sanificazione" e dei soggetti abilitati a svolgere interventi di sanificazione che riteniamo sbagliate, fuorvianti e decisamente pericolose.

L'Unione ribadisce che la "sanificazione" riguarda gli ambienti e non gli impianti. Quando si parla di "sanificazione" di un impianto aeraulico si dice una cosa inesatta.

Si allega il documento 

PULIZIA DEGLI IMPIANTI E SANIFICAZIONE

COVID-19 Consentire l’installazione e la manutenzione degli impianti anche in scuole, alberghi e ristoranti

Le attività impiantistiche di cui al Codice ATECO 43.2, sia che si trattasse di manutenzione e riparazione che di installazione di nuovi impianti, erano state consentite già con il Dpcm dell’11 marzo, naturalmente salvaguardando la salute di dipendenti e cittadini tramite l’adozione del distanziamento sociale e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.