TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

CAF CNA supera i 400mila 730 e punta sul digitale

Con grande soddisfazione la campagna 730/2021 si è conclusa con un risultato positivo, che ci ha permesso di superare la soglia dello scorso anno. Il risultato definitivo dei 730/2021 trasmessi all’Agenzia delle entrate è infatti di 400.335.

“Si tratta di un risultato certamente non scontato – afferma il direttore Roberto Vitale – che registriamo in un momento difficile, condizionato oltre che dall’emergenza sanitaria, anche dalle difficoltà riscontrate con alcuni clienti in questo primo anno in cui era necessario documentare il pagamento degli oneri detraibili e deducibili con strumenti tracciabili“.

“Ci sono ancora margini di crescita per il nostro sistema – afferma Armando Prunecchi, presidente del CAF CNA – occorre recupere i numeri persi nelle strutture territoriali che quest’anno hanno patito qualche difficoltà. Dobbiamo migliorare le interazioni con CNA Pensionati, posto che ad oggi è ancora molto ampio il bacino di pensionati associati che non elaborano il 730 presso il nostro CAF. Al tempo stesso è necessario intervenire anche valorizzando il sistema presso tutti quei pensionati che si rivolgono al CAF per il 730 e gli altri servizi e non hanno la tessera associativa di CNA Pensionati. Inoltre, ritengo sia necessario puntare ancor più sugli strumenti digitali messi in campo per effetto della pandemia, aiutando i clienti ad utilizzare il caricamento dei documenti attraverso il nostro portale o l’app “scatta” e la firma digitale. Si risparmiano tutti i costi di archiviazione ed il tempo impiegato dal personale in questa attività.  Sono strumenti nuovi che abbiamo sperimentato nel 2021 e che stiamo migliorando – conclude Prunecchi – per renderli ancora più efficaci per il 2022. Occorre che siano più diffusi, facili da usare e promossi da tutti coloro che hanno il contatto diretto con il cliente“.