TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Botteghe e negozi: cessione dei crediti d’imposta e locazioni

Crediti d’imposta di natura agevolativa per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Questo è lo scopo dei decreti-legge, di cui l’Agenzia delle Entrate fornisce le prime indicazioni per procedere alla cessione dei crediti d’imposta per botteghe e negozi e per i canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo e affitto d’azienda.

Fino al 31 dicembre 2021, i soggetti beneficiari dei crediti d’imposta possono optare per la cessione, anche parziale, ad altri soggetti – inclusi gli istituti di credito ed altri intermediari finanziari – a patto che questi utilizzino il credito con le stesse modalità con le quali sarebbe stato utilizzato dal soggetto cedente.

La cessione del credito, a partire dal prossimo lunedì, 13 luglio 2020, dovrà essere comunicata dai beneficiari attraverso il modello approvato e tramite l’area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate.

A maggio il blocco dei licenziamenti salva l’occupazione nelle Pmi

A maggio tornano ad aumentare i posti di lavoro nell’artigianato e nelle piccole imprese, sia pure lievemente. Grazie alla parziale riapertura di attività anche non indispensabili. E soprattutto grazie al perdurante blocco dei licenziamenti, per ora in vigore fino a metà agosto. Il dato finale, infatti, è frutto di cessazioni in forte calo proprio per questo divieto e di assunzioni che continuano a crollare. Allo stato non si può prevedere che cosa succederà sul mercato del lavoro a divieto di licenziamento archiviato. Ma pare difficile che l’occupazione possa recuperare nel breve periodo i livelli precedenti l’emergenza sanitaria.

A rilevarlo è l’Osservatorio mercato del lavoro CNA, curato dal nostro Centro studi, che analizza mensilmente le tendenze dell’occupazione nell’artigianato e nelle piccole imprese (su un campione di quasi 20mila imprese associate con circa 140mila dipendenti) dal dicembre 2014.

CNA regionale: "Ristrutturazioni, lavoriamo al Südtirol Ecobonus. La misura è in vigore da oggi, ma mancano i decreti attuativi. Stiamo attivando un percorso locale"

“Stiamo lavorando per dare concretezza all’Ecobonus sulle ristrutturazioni e i risanamenti di edifici, mettendo in piedi un progetto per la realizzazione del Südtirol Ecobonus, capace di sfruttare la detrazione fiscale al 110% come previsto dal Decreto Rilancio nazionale, con un sistema di cessione del credito d’imposta dalle PMI a istituzioni finanziarie locali, in collaborazione con la Provincia e le eccellenze territoriali in tema di ristrutturazioni, risanamenti energetici e innovazione, in testa l’Agenzia CasaClima e il NOI Techopark. L’operazione andrebbe a vantaggio delle piccole, medie e micro imprese locali della filiera delle costruzioni, dagli edili tradizionali agli impiantisti, dai serramentisti ai pavimentisti”. Lo afferma Claudio Corrarati, presidente di CNA-SHV Alto Adige e di CNA Trentino Alto Adige.

“Il modello – aggiunge Corrarati – è replicabile in Trentino, utilizzando le stesse istituzioni finanziarie che operano in ambito regionale e coinvolgendo il mondo politico, i cluster imprenditoriali ed i centri di ricerca trentini”.

Disposta la proroga dei versamenti

Il D.P.C.M. pubblicato dispone il differimento, per l'anno 2020, del termine del 30 giugno previsto per l'effettuazione dei versamenti derivanti dal Modello Redditi e Irap (saldo anno 2019 e prima rata di acconto anno 2020), e dalla dichiarazione annuale Iva per l’anno 2019.

Per quanto riguarda l'Irap, sono naturalmente interessati alla proroga i soggetti che non sono ammessi al beneficio di cui all'art. 24 del D.L. 34/2020 (non debenza del saldo 2019 e della prima rata d'acconto 2020).

Il nuovo termine pèer l'effettuazione dei versamenti è fissato al 20 luglio 2020, senza alcuna maggiorazione. I versamenti potranno inoltre essere effettuati dal 21 luglio al 20 agosto 2020, con la maggiorazione dello 0,40%.

La proroga riguarda principalmente i soggetti, sia persone fisiche, sia soggetti diversi dalle persone fisiche, che esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale(ISA).

Restano fermi al 30 giugno 2020 e al 30 luglio 2020 (con maggiorazione dello 0,40%), i termini per l'effettuazione dei versamenti da parte dei soggetti esclusi dalla proroga.

Per ulteriori informazioni, contatta CNA-SHV dell'Alto Adige e CNA del Trentino.