TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Nuovi edifici e risanamenti: bonus cubatura rinnovato per 5 anni

Ok sostanziale della Giunta provinciale alla prosecuzione per ulteriori 5 anni, dal 1° gennaio 2022, del bonus cubatura rinnovato, per l’efficientamento energetico degli edifici.

La Giunta provinciale, su proposta dell’assessora competente, Maria Hochgruber Kuenzer, nella seduta di oggi (5 ottobre) ha dato l’ok sostanziale al rinnovo del cosiddetto bonus cubatura per altri 5 anni, a partire dal 1° gennaio 2022. Sarebbe scaduto il 31 dicembre 2021. In vista della scadenza, infatti, vi era grande frenesia e una corsa presso gli uffici dei Comuni al fine di ottenere il rilascio delle concessioni edilizie e per poter avviare i lavori in tempo utile per accedere a questa agevolazione. Il bonus cubatura, facendo riferimento alla legge territorio e paesaggio, sarà applicabile esclusivamente nelle zone edificabili e quindi non in quelle al di fuori, come, ad esempio, le aree agricole.

Superbonus 110%, al via il modulo per la Cila

La Conferenza unificata ha dato il via libera all’accordo per l’adozione del modulo per la Cila, la comunicazione asseverata di inizio attività per il Superbonus 110%. Lo consideriamo un passo in avanti sul percorso della semplificazione della misura. Il ministero della funzione pubblicaevidenzia che il modulo per la Cila-superbonus contiene solo le informazioni essenziali. Devono essere indicati gli estremi del permesso di costruire o del provvedimento che ha legittimato l’immobile (come la data di rilascio), ma per gli edifici la cui costruzione è stata completata prima del 1° settembre 1967 è sufficiente una dichiarazione. Non è più necessaria l’attestazione di stato legittimo, particolarmente complessa e onerosa, ma è sufficiente la dichiarazione del progettista di conformità dell’intervento da realizzare.

Barometro dell’economia IRE – Estate 2021 Edilizia: bene i fatturati, male gli investimenti. Parla Lazzarini (CNA Costruzioni)

Nonostante il miglioramento fotografato rispetto alla precedente rilevazione, l’edizione estiva del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano – mostra come la ripresa del settore edile non si sia ancora consolidata, in particolare per quanto riguarda l’attività di investimento. Ciò anche a causa del rincaro dei materiali da costruzione e dell’incertezza sul futuro andamento della domanda espressa dal settore privato.

La rilevazione estiva condotta dall’IRE mostra un miglioramento del clima di fiducia nell’edilizia altoatesina, con quasi quattro imprese su cinque che per quest’anno confidano in una redditività quantomeno soddisfacente. Gli operatori e le operatrici del comparto segnalano fatturati in aumento rispetto ai livelli dello scorso anno, soprattutto per quanto riguarda il mercato locale altoatesino. Positive sono altresì le valutazioni sull’attuale grado di utilizzo della capacità produttiva, che nelle branche dell’ingegneria civile e della costruzione di edifici ha superato il 90 percento.

CNA Costruzioni: rendere strutturali gli incentivi fiscali per le ristrutturazioni edilizie e le riqualificazioni energetiche

Razionalizzare, semplificare e innovare sono i principi che devono guidare il riordino ormai improcrastinabile della normativa per il settore delle costruzioni. E’ quanto ha affermatoil vicepresidente nazionale di  CNA Costruzioni, Carlo Bellioni, in audizione davanti alla Commissione lavori pubblici del Senato sottolineando di condividere la decisione del Governo di ricorrere allo strumento della legge delega per una profonda riforma della cornice normativa.