TPL_GK_LANG_LOGIN
 
A+ A A-

Lavoratori extra-UE: dal 2 dicembre nuove possibilità per le imprese della nostra provincia

Per la prima volta le imprese della provincia di Bolzano potranno presentare richiesta per far arrivare sul nostro territorio lavoratori provenienti da Paesi extra-UE con contratti di lavoro non stagionale. L'Assessorato al lavoro della Provincia Autonoma di Bolzano infatti, dando riscontro alle incalzanti richieste di CNA insieme ad altre associazioni imprenditoriali locali, ha avanzato richiesta al competente Ministero per veder assegnate anche al nostro territorio quote di lavoratori stranieri, al pari di quanto da molti anni avviene nel resto d'Italia.

NUOVA DENUNCIA DI INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE

A partire dal 22 marzo 2016 sono entrate in vigore nuove semplificazioni per le denunce di infortunio o di malattia professionale. Esse prevedono che:

  • il certificato medico venga trasmesso all'INAIL dal medico o  dalla struttura sanitaria competente, esonerando così il datore di lavoro da ogni obbligo in proposito;
  • i dati delle certificazioni di malattia vengano resi disponibili telematicamente dall'INAIL ai soggetti obbligati a effettuare la denuncia in modalità telematica (sempre all'INAIL), nel rispetto delle disposizioni sulla privacy;

NASpI - contributo di licenziamento: anno 2016

Il contributo di licenziamento dovuto dal datore di lavoro all'Inps nei casi di interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato è calcolato applicando la percentuale del 41% al massimale mensile di ASpI.

Dal 1° maggio 2015, l’indennità di ASpI è stata sostituita dall’indennità di NASpI e a decorrere da tale data, per effetto variazione della retribuzione di riferimento dell’indennità di NASpI, pari ad euro 1.195,00, è stato rideterminato l’importo del contributo di licenziamento. Conseguentemente, per le interruzione dei rapporti di lavoro realizzate dal 1° maggio 2015, l’importo del contributo di licenziamento è pari al valore annuale di euro 489,95 (1.195,00 x 41%) e l’importo massimo, riferito ai rapporti di durata pari o superiore a 36 mesi, è di euro 1.489,85 (489,95 x 3).